Scorgere, arrivare, percorrere…

fiori sul trabocco

Poggiare i piedi sulla passerella  traballante  di un trabocco,

non riuscire a staccare gli occhi dall’acqua sotto di te,

sentire i contraccolpi del legno ad ogni passo,

stupirsi della leggerezza di un tavolo apparecchiato sospeso

sull’acqua.

Impossibile non soffermarsi a respirare quel blu immenso dell’acqua, del cielo, del mare.

Percepire l’emozione di traghettare i miei fiori in quel contesto cosi suggestivo e irreale.

Una fantasia di camomille, ortensie e rose indiane illuminate dal sole di luglio risplendevano nei loro colori puri e intensi.fiori sul trabocco

In uno spazio già misurato e parsimonioso costruire, spostare, ricavare una striscia di tavolo

da trasformare in un percorso blu unito al bianco mischiato al giallo.


fiori sul trabocco


fiori sul trabocco

E poi il momento dei particolari,  quelli che amo.

Aggiungere un fiore laddove era rimasto un piccolo spazio vuoto, sostituire un’ ortensia che sotto il caldo cocente era meno brioso degli altri, cercare un po d’ombra per schivare un raggio di sole piu’ diretto, riposizionare un legnetto dove mancava, inserire una bacca, un fiocchetto, una fogliolina.

L’ultimo angolo da curare lo avevo riservato a dei simpatici barattoli in vetro trasformati in lanterne, arricchiti di stelle marine e conchiglie, di pizzo e yuta, di raso e cannella.

Impossibile stancarsi di mirare un siffatto angolo di paradiso.

fiori sul trabocco fiori sul trabocco fiori sul trabocco

 

 

 

Lascia un commento

Tu cosa ne pensi?